Monday, September 10, 2007

Ai miei (quasi) venticinque lettori

Avete mai provato a portare fino a casa un sasso qualsiasi, scelto nel momento in cui l'idea si affaccia inesorabile fra i vostri intenti, calciandolo, sollevandolo, agguantandolo coi piedi, senza mai neanche pensare di raccoglierlo con le mani?
E' un passatempo autistico che non praticavo da un po'.
So che non è normale, ma lo trovo divertente e lo prendo molto sul serio, il mio giochino calcistico.
Vorrei capire come si fa a godersi i momenti belli.
Quelli allegri, un po' felici, quelli di cui mi accorgo con tristezza il giorno dopo, e li rimpiango, e mi pare che la mia vita sia tutta un rimpianto.
Quello che manca è la coscienza, è la concentrazione, è l'immersione totale dei momenti di tristezza, che a forza di girarli e rigirarli sono molto più reali, e più profondi, e più dannatamente lunghi.
La felicità spegne il cervello, è un processo completamente ebete e quando ricomincio ad avere coscienza del mondo è sempre troppo tardi.
E' un po' come portare il sassolino calcio dopo calcio, e poi raccoglierlo sulla porta di casa, e pensare a quanti cavolo di calci gli si è dati.
Allora, forte di questo ragionamento, a volte mi preparo prima, e penso che sarà la volta buona, e che stavolta non passerà in un lampo, perché ho scoperto il trucco e sono preparata.
Non funziona per niente.
Allora ne ho pensata un'altra, e ho preso una sedia, una stanza buia e una manciata di bei ricordi, e ho lasciato andare la mente, e ho calciato per un po' tutti i miei sassolini sulle note di una musica strumentale e malinconica.
E questo, ve lo assicuro, funziona.

4 Comments:

At 11:44 PM, Blogger BarbaraJ said...

La felicità spegne il cervello, è un processo completamente ebete e quando ricomincio ad avere coscienza del mondo è sempre troppo tardi.

Ma ci sono anche dei nanosecondi di felicità che ti fanno sentire il mondo, ti avvicinano alla realtà per crudele o spiritosa che sia. Un po' come prendersi una cotta: si è rimbecilliti ma alcuni sensi si aprono, e si sentono vicine cose che prima si notavano e basta. Poi, come far durare questi momenti non so, forse non è nemmeno possibile.

 
At 10:33 AM, Blogger siuf said...

Sarà mica colpa mia, allora, che me ne accorgo solo dopo? :'
Ho una mente poco reattiva, mi sa. :D

 
At 12:21 PM, Blogger Laura said...

Io nella storia dei sassi ci credo davvero. Ne ho un vaso di vetro pieno: sassolini e conchiglie :)

Baci*

 
At 11:33 AM, Blogger bisbiglio said...

:*

 

Post a Comment

<< Home